Mar Piccolo, aggiudicato l’appalto per la ripulitura dei fondali

Mar Piccolo, aggiudicato l’appalto per la ripulitura dei fondali Una veduta dei due mari di Taranto (immagine da Internet)
9
Feb

S’è concluso l’iter per l’affidamento dell’appalto e Sogesid spa ha aggiudicato la gara per “Le attività di rimozione dei materiali di natura antropica presenti sul fondale del Mar Piccolo – I Seno”. L’intervento di pulizia, da portare a termine entro 180 giorni, sarà effettuato dall’ associazione temporanea di imprese Serveco Srl, di Montemesola e da Ce.Sub Srl, di San Giorgio Jonico., unica partecipante alla procedura. L’importo a base di gara era di 764.632,69 euro, ma la cifra di aggiudicazione non compare sul sito di Sogesid. Il progetto mira a ripristinare lo stato originario dei fondali del primo seno del mar Piccolo, asportando tutti i materiali depositati sul fondo dalle attività dell’uomo, e a rimuovere eventuali fonti residue di contaminazione. In base al piano redatto da Sogesid gli interventi riguardano: discesa Vasto, pontile ex Marigenimil, banchina Cariati nelle vicinanze della pensilina liberty, in tutto 15 mila metri quadrati suddivisi in aree di 50×50 metri. Il commissario straordinario per le bonifiche, Vera Corbelli, nel giugno scorso aveva rivelato i fondali erano stati trasformati in una gigantesca discarica. Vi giaceva di tutto: circa 130 carcasse d’auto, lettini di ospedale, pneumatici, bidoni metallici, cassonetti per rifiuti urbani, natanti, pezzi  di impianti per la militicoltura. Con questo primo intervento dovrebbe cominciare, quindi, la rinascita del mar Piccolo che non si realizzerà se non si intercetteranno e non si fermeranno le residue fonti inquinanti.