Ilva, a febbraio la scelta del compratore

Ilva, a febbraio la scelta del compratore Il ministro Claudio De Vincenti
23
Dic

Entro il mese di febbraio sarà scelto l’acquirente dell’Ilva mentre nei prossimi giorni dovrebbe essere pronto il parere del ministero dell’Ambiente sui piani ambientali presentati dalle due cordate in campo per l’acquisto dell’azienda siderurgica. Inoltre le risorse per la Sanità a Taranto ammonteranno a più dei 50 milioni previsti in un primo momento dall’emendamento alla legge di Bilancio. In prefettura, al termine dei lavori del “tavolo istituzionale per Taranto”, il ministro  per il Mezzogiorno, Claudio De Vincenti, ha fatto una serie di annunci. “Era importante prima della pausa natalizia – ha detto tra l’altro – riprendere il filo del nostro lavoro insieme alle istituzioni, all’Autorità portuale, al commissario alla bonifica e alle parti sociali. Oggi (22 dicembre, ndr) abbiamo fatto il punto sull’intesa della trasparenza, sull’intesa per la valorizzazione turistica e culturale dell”Arsenale, sull’accordo di programma per il riutilizzo della ex stazione torpediniere, e abbiamo anche parlato di un intervento importante per la riqualificazione dell’area di Taranto: un intervento di foresta urbana tra rione Tamburi e Ilva. Ma siamo ancora a livello di proposta su questo – ha chiarito De Vincenti – perché è in corso un confronto tra Comune di Taranto e Regione Puglia. Abbiamo fatto il punto sulla progettazione del nuovo ospedale San Cataldo  e su altri interventi di rafforzamento della sanità a Taranto con misure sulle quali il ministero della Salute sta lavorando. Abbiamo anche fatto il punto sull’accordo di programma: le manifestazioni di interesse vanno presentate entro il 3 febbraio, dopodiché ci saranno gli incentivi per dare fiato e respiro alle imprese”.