Protestano i commercianti: “Vogliamo confrontarci con il sindaco”

Protestano i commercianti: “Vogliamo confrontarci con il sindaco” La protesta in via Liguria
24
Nov

Ancora una volta commercianti in strada, in via Liguria e via Cesare Battisti, a protestare contro il Comune. Il “casus” è fornito dai cordoli, ma la motivazione più profonda è la mancanza di confronto con l’amministrazione. “Non abbiamo interlocutori – dice Giuseppe Spadafino, presidente della delegazione Montegranaro di Confcommercio, – non sappiamo con chi parlare. L’assessore cambia sempre e il dialogo è difficile. I commercianti sono stanchi, non vedono futuro, no è possibile fare programmazione, vogliamo recuperare il Borgo. Ma lo stato delle cose è difficile. Se si spengono le vetrine si spegne la città”. I negozianti prendono spunto dai cordoli che, impedendo la doppia fila, interferiscono con il commercio veloce dell’acquisto fatto in due minuti, ma chiedono un confronto più ampio. “Nessuno vuole legalizzare la doppia fila – commenta lelio Fanelli, delegazione Tre Carrare, – ci sono altre soluzioni sulle quali confrontarsi”. Fa riferimento alle cose dette ripetutamente nei mesi scorsi e mai poste al centro di una trattativa vera e propria. Il commercio tarantino chiede più servizi, più parcheggi e anche più legalità. “Siamo tartassati – conclude Fanelli – ma manca un confronto serio. Sulle principali vie del commercio c’è un degrado e un abbandono senza precedenti a causa dell’assoluta assenza dell’amministrazione pubblica, della scarsa pulizia e del controllo inesistente. Gli abusivi sono i padroni del territorio. In nove anni e mezzo non abbiamo mai avuto il piacere di incontrare il nostro sindaco».