Area camper chiusa dal 2007. Amat al lavoro per riaprirla nel 2017

Area camper chiusa dal 2007. Amat al lavoro per riaprirla nel 2017 Una veduta dell’area camper di via Mascherpa
16
Ago

Dopo un paio di tentativi, andati a vuoto, di affidare mediante un bando di gara la gestione dell’area Camper di via Rondinelli ai privati, il Comune di Taranto ha deciso di assegnarla ad Amat “con scopi evidentemente di perseguire molteplici interessi collettivi”. Il sindaco Ippazio Stefàno specifica che Amat “dovrà utilizzare una parte di essa per gli scopi per i quali è stata realizzata, come area di sosta per turismo itinerante, l’altra parte a parcheggi di interesse pubblico tenuto conto della vicina struttura militare della Saram”. I passaggi formali di assegnazione dell’area all’azienda dei trasporti non sono stati ancora effettuati, ma Amat ha già effettuato un primo sopralluogo per verificare lo stato dei luoghi, le condizioni nelle quali si trovano l’area scoperta e la palazzina destinata a servizi ed uffici. Insomma, dopo nove anni di mancato utilizzo – l’area è chiusa dal 2007 – , la situazione è di notevole degrado e richiede un notevole impegno finanziario da parte di Amat per portare a compimento l’indispensabile opera di ristrutturazione preliminare a qualsiasi riapertura al pubblico. Che, ad ogni buon conto, non avverrà prima della prossima primavera. In questi mesi Amat dovrà ripristinare le condizioni ottimali per la fruizione dell’area e, allo steso tempo, con il contributo delle associazioni dei camperisti, metterà a punto un protocollo per la sua utilizzazione. La struttura sarà messa a disposizione del turismo itinerante con i servizi di “service”, per le soste tecniche; di “sosta prolungata”, per un massimo di 48/72 ore. Una parte della superficie resterà a disposizione della polizia locale e della protezione civile. Amat non esclude di servirsi di una porzione dell’area scoperta per le proprie esigenze di servizio come della palazzina per utilizzarla come front office.