Fuggono trenta migranti, riportati nell’hotspot tarantino

Fuggono trenta migranti, riportati nell’hotspot tarantino L’hotspot di Taranto situato nell’area portuale
14
Apr

Sono giunti a Taranto, con i bus da Reggio calabria, in 324 dopo essere stati raccolti nel canale di Sicilia. Ma dall’hotspot allestito nell’area portuale una trentina di migranti sono fuggiti per sfuggire alle operazioni di identificazione imposta dalla legge. Le forze dell’ordine hanno avviato le ricerche e li hanno ritrovati tutti riportandoli nel centro di accoglienza attrezzato. Il comandante della polizia locale, Michele Matichecchia, che ha anche la responsabilità di gestire l’hotspot, ha ridimensionato l’episodio ricordando che nei giorni scorsi è stato sventato, mediante l’uso di solventi, anche il tentativo di rendere impossibile l’identificazione personale con le impronte digitali cospargendo i polpastrelli di colla. I migranti potranno restare nell’hotspot per 72 ore prima di essere trasferiti in altri centri di accoglienza nazionali.